<< Capitolo 5.3

indice

Capitolo 5.5 >>

 

5.4 È tutto inutile: il non convenzionale è già banale

Arrivati alla fine di questa tesi, potrei concludere l’analisi del mercato con un grande festeggiamento per il successo della promozione alternativa, dichiarare la morte imminente della pubblicità convenzionale ed affermare la supremazia assoluta del nuovo marketing. Tuttavia, la situazione attuale non è realmente così stabile. Certamente ci saranno interessanti cambiamenti nel settore della comunicazione e le aziende impareranno presto a sfruttare al massimo l’efficacia di Viral, Guerrilla e Product Placement. Per quanto il fenomeno possa sembrare positivo, non è giusto fermarsi ad un’evidente osservazione del marketing contemporaneo. Per un corretto utilizzo delle nuove strategie, è necessario tenere conto fin da subito dei problemi che ne potrebbero ridurre l’efficacia in un prossimo futuro. La pubblicità non convenzionale rimane pur sempre un sistema di propaganda commerciale, di cui le aziende abuseranno il più possibile per conquistare il maggior numero di consumatori. Il marketing alternativo corre lo stesso identico rischio di assuefazione del pubblico e finirà per stancare a causa di un’eccessiva presenza e ripetizione.

 

 

Fino a quando potremo considerare peculiare la nuova promozione? Le soluzioni più economiche, come Viral e Guerrilla, subiranno un affollamento anche peggiore del classico advertising: internet sarà riempito da milioni di messaggi virali, da social network e ARG, che si contenderanno il limitato tempo libero dei consumatori, mentre le zone urbane saranno occupate dai brand senza risparmiare alcuna superficie, con una netta diminuzione della loro peculiarità. Dall’altra parte, il Product Placement dovrà faticare per trovare spazi liberi in cui infiltrarsi, a patto di accettare un aumento spropositato di sforzi e costi di posizionamento. Passato il periodo di “novità”, il pubblico avrà una maggiore consapevolezza dei fini prettamente commerciali di questi metodi e ne rimarrà meno impressionato. La promozione non convenzionale è oggi molto efficace, ma è difficile sapere per quanto tempo potrà mantenere il suo equilibrio. Per non rimanere impreparate alle prossime evoluzioni del mercato, le agenzie pubblicitarie dovranno iniziare al più presto a studiare le strategie innovative del futuro: quale sarà lo sviluppo della società contemporanea? Con quali metodi saranno più influenzabili i consumatori fra 2 o 3 generazioni? Che tipo di tecnologie comunicative avremo a disposizione nei prossimi 50 anni?

 

<< Capitolo 5.3

indice

Capitolo 5.5 >>

Creative Commons License

I contenuti di questo sito sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons: potete diffonderli e riprodurli a scopo non commerciale, a patto di attribuirne la fonte.